Com'è la situazione sanitaria in Irlanda? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Irlanda? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
I servizi di pronto soccorso in Irlanda sono discreti. Buona la reperibilità di farmaci anche se e’ praticamente impossibile acquistarli senza ricetta medica. Non si richiedono vaccinazioni obbligatorie. Non si segnalano difficoltà particolari per eventuali rimpatri d'emergenza sanitaria. I cittadini italiani che si recano temporaneamente (per studio, turismo, affari o lavoro) in Irlanda (Stato membro dell'Unione Europea) possono ricevere le cure mediche necessarie previste per i casi di emergenza dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) chiamata Tessera Sanitaria. La TEAM sostituisce i precedenti modelli E110, E111, E119 ed E128 ed è in distribuzione da parte del Ministero delle Economia e delle Finanze. Coloro che non l'avessero ancora ricevuta possono rivolgersi alla propria ASL e richiedere il Certificato sostitutivo provvisorio. Per maggiori informazioni al riguardo va consultata la propria ASL o il sito del Ministero della Salute: www.ministerosalute.it (Aree tematiche salute e cittadino; assistenza italiani all'estero e stranieri in Italia). Vi è la possibilità di sottoscrivere un'assicurazione sanitaria in loco, il cui costo varia secondo le esigenze dell'assicurato (Voluntary Health Insurance, VHI).
Se ci si reca in Irlanda è comunque vivamente consigliato di munirsi di un'assicurazione sanitaria privata, che preveda oltre alla copertura di eventuali spese sanitarie, anche il rimpatrio sanitario in aereo attrezzato o il trasferimento del malato in un altro Paese.