Com'è la situazione sanitaria in Myanmar - Birmania? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Myanmar - Birmania? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Le strutture ospedaliere in Birmania - Myanmar sono in gran parte carenti ed inadeguate con attrezzature obsolete e disponibilità di medicinali limitata; al contrario si può contare su una discreta professionalità di alcuni medici locali.
Le mete tradizionali, quali Mandalay, Bagan, Inle, Ngpali, Nwe Saung e poche altre sono dotate di modeste strutture sanitarie e di qualche mezzo di soccorso, mentre il resto del Paese non dispone di mezzi per affrontare situazioni d’emergenza.
L’esistenza di una rete telefonica obsoleta, con problemi di interruzione delle linee condiziona talvolta la tempestività di intervento nei confronti di coloro che dovessero trovarsi in situazioni d'emergenza.
Le condizioni igienico-sanitarie del Paese sono precarie, in particolare nelle zone periferiche ed interne per la presenza di patologie tipiche delle zone tropicali quali: ameba, tubercolosi, malaria (plasmodium falciparum), dengue, dissenterie, epatiti tipo A e B, colera e tifo. Si consiglia pertanto di adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara.
Numerosi sono i casi di HIV/AIDS.
Secondo quanto riferito dal WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità), non sarebbero al momento presenti nel Paese casi umani di influenza aviaria. Tuttavia, in considerazione della presenza di focolai su pollame morto in varie parti del Paese registrati nel recente passato, si consiglia, a titolo precauzionale, di consumare carne e uova di volatili e pollame solo ben cotte e di evitare il contatto diretto con volatili vivi o morti. Per ulteriori informazioni si rinvia all’opuscolo “L’influenza aviaria: rischi, informazioni e misure preventive”, riportato sulla pagina principale di questo sito. Maggiori informazioni possono anche essere reperite presso la propria ASL o consultando i siti del Ministero della Salute: www.ministerosalute.it, o l’Organizzazione Mondiale della Sanità: www.who.int/csr/don
In caso d’infortunio serio o di grave malattia, si consiglia vivamente, il rientro in Italia oppure il ricovero presso strutture ospedaliere di Bangkok o di Singapore.
Si consiglia, pertanto, di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Birmania - Myanmar, una polizza assicurativa adeguata che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche anche l’eventuale rimpatrio d’emergenza o trasferimento del malato in altro Paese.
A Yangon è attiva una clinica con staff medico straniero in grado di organizzare evacuazioni sanitarie di emergenza. Rivolgersi a SOS INTERNATIONAL CLINIC - Tel.: (0095.1) 66.78.71. Per l’evacuazione con SOS International Clinic è fondamentale accertarsi che la polizza assicurativa la preveda espressamente.
Si consiglia, inoltre, di:
- sottoporsi ad una profilassi antimalarica, previo parere medico, se ci si reca in zone interne e rurali;
- sottoporsi, previo parere medico, alle vaccinazioni contro: l’epatite A e B (diffusa tra la popolazione locale), l’encefalite giapponese, il tifo, la rabbia, la difterite ed il tetano;
- non assumere acqua corrente e non bere latte e bevande di produzione locale, evitando in ogni caso di aggiungere il ghiaccio;
- evitare di consumare verdura fresca e frutta che non siano state ben lavate con acqua potabile;
- proteggersi dalle punture di insetti (zanzare in particolare), applicando lozioni repellenti, indossando camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi e dormendo riparati da zanzariere. Si consiglia pertanto di adottare, durante la permanenza nel Paese, misure preventive contro le punture di zanzara;
- evitare di andare a piedi nudi per prevenire infezioni da funghi o da parassiti;
- evitare di bagnarsi in corsi d’acqua o nei laghi.