Com'è la situazione sanitaria alle Maldive? Serve una assicurazione sanitaria per andare alle Maldive? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Alle Maldive nelle zone frequentate dai turisti non vi sono malattie endemiche ed in linea di massima vengono adottate nelle grandi strutture alberghiere le normali misure igieniche. Tuttavia, le strutture sanitarie del Paese non sono paragonabili a quelle europee e risultano del tutto inadeguate per far fronte ad eventuali emergenze. A Malè, la capitale, si trova un ospedale di discreto livello a cui ci si può rivolgere dietro pagamento in caso di interventi non di grave entità.
Per interventi sanitari particolari è necessario il trasferimento del malato in Italia o nel paese più vicino attrezzato per il tipo di intervento (Singapore e New Delhi con tempi di viaggio di circa sei ore da Malè). I turisti non in perfette condizioni di salute devono tenere presente che in molti villaggi non e’ presente un medico residente e che eventuali trasferimenti di emergenza nella capitale possono essere rallentati dal fatto che gli idrovolanti volano a vista e solamente nelle ore diurne, mentre il trasporto notturno può avvenire solamente via mare compatibilmente con le condizioni atmosferiche.
Si è a volte riscontrato che il malato, malgrado possedesse una copertura assicurativa sanitaria con compagnie ritenute affidabili, non sia stato trasferito con la dovuta celerità. Si suggerisce comunque di munirsi di un'assicurazione che preveda esplicitamente (in casi di emergenza) il tempestivo trasferimento in strutture ospedaliere adeguate, utilizzando con immediatezza il primo velivolo disponibile (privato o di compagnie di linea) per il trasferimento in Paesi vicini o in Italia.
In particolare, tenendo presente gli incidenti anche mortali verificatisi in passato, si sconsiglia il soggiorno a coloro che sono affetti da alcuni tipi di patologie e necessitino di ospedalizzazioni improvvise (malattie cardiopatiche o vascolari, ipertensione, nefropatici, ecc...) e a donne in stato di gravidanza.
Per i turisti portatori di handicap è consigliabile informarsi sulla presenza di strutture adeguate nell’albergo ove si soggiorna.

Si consiglia di:
• portare con sé una scorta di medicinali di prima necessità come quelli per stati febbrili, mal di testa, problemi intestinali, ecc....
• consumare acqua e bevande solo in bottiglia o lattina, senza aggiunta di ghiaccio. Si ricorda che in zone tropicali è consigliabile un consumo giornaliero d’acqua di circa 3-4 litri (secondo l’attività fisica)
• munirsi di crema solare ad alto schermo protettivo e di prodotti per proteggersi dalle punture di zanzare ed insetti. Le ferite o abrasioni causate dal contatto con i coralli vanno accuratamente disinfettate perché spesso i coralli sono urticanti.
Si sono verificati con frequenza casi di otite dovuti a batteri che si trovano in grande quantità nel plancton dell’acqua del mare. Onde evitare tali infezioni, si consiglia un’accurata pulizia delle orecchie con acqua dolce dopo ogni bagno e l’uso preventivo di gocce disinfettanti su indicazione del proprio medico.