Com'è la situazione sanitaria in Iran? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Iran? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Il livello professionale dei medici in Iran è buono e molti di loro parlano diverse lingue straniere. L'Ambasciata dispone di un elenco di medici in Teheran che parlano anche l'italiano. E’ stato comunque predisposto un Vademecum, disponibile presso la Cancelleria Consolare italiana, che contiene informazioni utili in materia e che è consultabile sul sito web dell’Ambasciata: www.ambteheran.esteri.it/. Alcuni medicinali abitualmente disponibili in Italia non sono di facile reperibilità in loco. Si consiglia, quindi, al viaggiatore di portare con sé i farmaci di cui può avere bisogno.
Focolai di colera si registrano occasionalmente nel Paese, specie nel periodo estivo. Si consiglia di adottare sempre durante la permanenza le misure preventive igienico-alimentari del caso.
Influenza Aviaria: ai connazionali che intendano recarsi nella zona paludosa di Bandar Anzali (provincia di Gilan, sul mar Caspio) - dove in passato vi è stato il sospetto di un focolaio di influenza aviaria - si consiglia, a titolo cautelativo, di consumare carne e uova di volatili e pollame solo se ben cotte e di evitare ogni forma di contatto diretto con volatili e pollame, vivi o morti. Per ulteriori avvertenze, si rinvia all’opuscolo “L’influenza aviaria: rischi, informazioni e misure preventive” riportato sulla home page di questo sito. Maggiori informazioni possono anche essere reperite presso la propria ASL o consultando il sito del Ministero della Salute http://www.ministerosalute.it o dell’Organizzazione Mondiale della Sanità http://www.who.int/csr/don.

Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Iran, una assicurazione che preveda anche la copertura delle spese mediche e l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese del malato.

Si consiglia, inoltre, di :
- non consumare cibi crudi;
- lavare bene e disinfettare frutta e verdura;
- bere acqua minerale in bottiglia senza aggiunta di ghiaccio o di bollirla prima del consumo. Forme di dissenteria possono comparire, talvolta, durante il periodo di acclimatamento, soprattutto nei mesi estivi. Vanno evitati pertanto locali pubblici che non offrano sufficienti garanzie igieniche.