Com'è la situazione sanitaria a Hong Kong? Serve una assicurazione sanitaria per andare a Hong Kong? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Gli ospedali pubblici di Hong Kongsono generalmente di buon livello così come quelli privati che garantiscono un più rapido accesso ai servizi, ma che sono particolarmente costosi. Si consiglia quindi di stipulare, prima di intraprendere un viaggio ad Hong Kong, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.
I medicinali antibiotici devono essere accompagnati da una prescrizione medica e possono essere importati solo se per uso personale.
Le epatiti di tipo A e B sono endemiche. Di tanto in tanto si segnalano casi di colera. Sono consigliate, previo parere medico, le relative vaccinazioni. Si raccomanda, pertanto, di non consumare pesce, frutti di mare, carne e verdure crudi o poco cotti.
Recentemente non si sono registrati ad Hong Kong casi umani di influenza aviaria (virus H5N1) che si è invece manifestata in alcuni Paesi dell’Estremo Oriente e della regione del Guangdong. Vengono invece rinvenuti frequentemente volatili contagiati dal suddetto virus. Le Autorità di Hong Kong hanno adottato le misure necessarie per prevenire la malattia e non ravvisano particolari rischi al momento attuale. Maggiori informazioni possono anche essere reperite presso la propria ASL o consultando il sito del Ministero della Salute: http://www.ministerosalute.it o dell'Organizzazione Mondiale della Sanità: http://www.who.int/csr/don nonché il sito del Centro per la Protezione della Salute del Governo di Hong Kong: http://www.chp.gov.hk/en/index.html. Informazioni generali su tutti gli ospedali possono essere reperite sul sito dell’Hospital Authority di Hong Kong http://www.ha.org.hk/visitor/ha_index.asp.
L’elevato tasso di inquinamento atmosferico ha portato ad un incremento delle patologie respiratorie, in particolare negli anziani e nei bambini. Il fenomeno dell'inquinamento è più forte nei distretti di Central, sull'isola di Hong Kong, e di Tsimtsashui e nella penisola di Kowloon. L’inquinamento è dovuto anche alla stagnazione di fumi industriali provenienti dalla confinante provincia cinese del Guandong. Nelle zone vicine alle aree di maggior traffico o altamente inquinate va evitato di compiere sforzi fisici eccessivi e prolungati e va prestata attenzione alle indicazioni quotidianamente fornite dai mezzi di informazione locali relative ai livelli di inquinamento dell'aria. Informazioni sul livello del tasso di inquinamento dell’aria e dell’acqua sono reperibili sul sito del Governo ai seguenti indirizzi: http://www.gov.hk/en/residents/environment/air/airquality.htm e http://www.gov.hk/en/residents/environment/water/.
Si registrano nel corso della stagione estiva casi sporadici di febbre dengue. Si consiglia di adottare alcune precauzioni durante la permanenza, quali: alloggiare in luoghi climatizzati o dotati di zanzariere, usare prodotti repellenti contro le punture di insetti ed indossare abiti che coprano la maggior parte del corpo (maniche e pantaloni lunghi). In presenza di sintomi febbrili consultare un medico o recarsi presso un ospedale prima di assumere aspirina o prodotti derivati, poiché controindicati in caso di dengue. Le zanzare trasmettono anche, in casi limitati, la pericolosa encefalite giapponese.
Sono stati distribuiti anche ad Hong Kong prodotti alimentari di vario genere importati dalla Cina continentale e contaminati da agenti tossici. Si suggerisce di consultare il sito delle Autorità locali preposte alla sicurezza alimentare per aggiornamenti: http://www.cfs.gov.hk/eindex.html. L'emergenza della polmonite atipica (SARS), terminata già nel 2005, aveva provocato ad Hong Kong circa trecento vittime nei primi sei mesi del 2003. Le Autorità sanitarie sono riuscite a mettere a punto un trattamento antivirale efficace in circa il 90% dei casi. A fini preventivi continua la misurazione della temperatura per mezzo di scanner ai passeggeri in arrivo, partenza e transito.
Aggiornamenti sulla situazione alimentare locale per quanto riguarda gli alimenti sotto controllo e allarmi per alimenti nocivi sono a cura del Centro per la Sicurezza alimentare sono reperibili presso il sito http://www.cfs.gov.hk/english/consumer_zone/consumer_zone.html
Influenza suina umana-H1N1: si sono verificati nel passato alcuni casi di influenza suina umana. Le Autorità di Hong Kong non ravvisano particolari rischi al momento attuale. Per ulteriori aggiornamenti in merito è possibile consultare il sito del Centro per la Protezione della Salute del Governo di Hong Kong: http://www.chp.gov.hk/en/index.html

Nel caso si dovesse ripresentare il fenomeno SARS, ed al fine di limitare la possibilità del contagio, le Autorità locali suggeriscono di attenersi con scrupolo alle norme igienico - sanitarie sotto indicate:
• evitare, nei periodi di crisi, luoghi particolarmente affollati che favoriscono il propagarsi delle malattie respiratorie infettive;
• lavare con frequenza le mani;
• non usare salviette ed asciugamani di estranei;
• arieggiare con frequenza i locali e favorire il ricambio d’aria nei luoghi chiusi;
• rivolgersi ad un medico o recarsi presso un ospedale locale se durante il soggiorno ad Hong Kong si hanno sintomi che possono ricondursi alla SARS.
Coloro che, entro i primi 10 giorni dal rientro in Italia da Hong Kong, dovessero manifestare sintomi di febbre alta con tosse e difficoltà respiratorie, debbono rivolgersi ad un medico o recarsi presso un ospedale avvertendo che si proviene da un Paese asiatico interessato dalla SARS.