Com'è la situazione sanitaria in Georgia? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Georgia? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
L’introduzione di un programma di assicurazione pubblica nazionale ha notevolmente migliorato il quadro sanitario della Georgia negli ultimi anni. In linea generale, tuttavia, il servizio sanitario resta carente. Gli ospedali offrono servizi solo a pagamento e con standard qualitativi non sempre adeguati.
Esistono alcune cliniche private che, per le cure di prima necessità, offrono un livello accettabile. In caso di malattie e/o incidenti gravi, si consiglia tuttavia il rimpatrio aereo del connazionale o il trasferimento in un altro Paese (i voli diretti più frequenti sono per Vienna, Monaco, Atene, Parigi ed Istanbul). A chi intende fare un viaggio in Georgia si consiglia, pertanto, di stipulare una copertura assicurativa sanitaria internazionale che preveda anche l’eventuale rimpatrio sanitario del paziente o il trasferimento in un altro Paese.
Si consiglia, previo parere medico, la profilassi contro la difterite e contro l’epatite A e B. La rabbia è alquanto diffusa, soprattutto tra i cani randagi: si consiglia al riguardo di prendere le necessarie precauzioni. E’ diffusa anche la tubercolosi.
Si segnalano al riguardo le pagine dedicate alla Georgia nel sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità http://www.who.int/countries/geo/en/
In caso di necessità, l’Ambasciata d’Italia a Tbilisi www.ambtbilisi.esteri.it dispone di contatti di medici di fiducia, spesso in grado di parlare le principali lingue veicolari.

A Tbilisi è inoltre presente un poliambulatorio dei Religiosi Camilliani:
414, Anapis Divisiis Kucha
Temka Tbilisi
Tel. +995-32-2602748 +995-32-2602748 – Fax +995-32-2602065

La Georgia è un Paese a rischio sismico ed alluvionale. I terremoti verificatisi in passato hanno lasciato segni, a volte evidenti, nelle infrastrutture, in particolare nell’edilizia civile e residenziale. Essendo abbastanza frequenti i crolli di edifici, si consiglia, oltre alle normali precauzioni, di evitare di recarsi o sostare in fabbricati fatiscenti.
Il sistema idrico non sempre offre sufficienti garanzie, a causa di possibili inquinamenti degli acquedotti. Si consiglia, pertanto, di bere acqua in bottiglia e di non aggiungere ghiaccio nelle bevande. Di tanto in tanto eccessi di pressione nelle forniture d’acqua possono causare allagamenti anche in locali privati: si consiglia pertanto di prendere le normali precauzioni (non lasciare beni deperibili sul pavimento, chiudere le prese centrali d’acqua in occasione di assenze prolungate etc.).
La Georgia, e Tbilisi in special modo, non soffrono più, rispetto al passato, delle frequenti interruzioni delle forniture di elettricità e gas, che tuttavia di tanto in tanto possono verificarsi. E’ consigliato però porre la necessaria attenzione alla sicurezza degli impianti pubblici e privati, e ai conseguenti rischi, che vanno dal danno ad elettrodomestici collegati, senza stabilizzatori, direttamente alla rete elettrica, agli incendi.