Com'è la situazione sanitaria in Giamaica? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Giamaica? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Maggior parte delle strutture sanitarie in Giamaica, sono state rinnovate negli ultimi anni ed offrono un servizio discreto nel settore pubblico e nelle cliniche private, sia dal punto di vista igienico che professionale.
Per alcune patologie che richiedono interventi chirurgici è ora possibile effettuarli nel Paese. Nella città di Kingston sono presenti l’Ospedale “UWI”, specializzato in ginecologia e ortopedia e il centro “Bustamante Children Hospital per bambini. In tutto il Paese si trovano gli “Health Centre”, spesso molto affollati, ma rapidi e puntuali in caso di piccole emergenze. Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Giamaica, un’adeguata assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.
La maggior parte delle malattie sono di tipo degenerativo e non di origine infettiva. Diffuse quelle di origine sessuale (soprattutto AIDS) e quelle allergiche che colpiscono in particolar modo gli occhi. Presenti in forma endemica la malaria e il dengue propagati dalle zanzare, soprattutto durante la stagione delle piogge a cause della mancanza totale di scoli e drenaggi. Le Autorità sanitarie locali hanno confermato oltre 300 casi di malaria in Giamaica dal mese di novembre 2006 ad oggi, riscontrati a Kingston, St. Catherine, St. Thomas e a Clarendon.
Le suddette Autorità, coadiuvate da esperti nazionali ed internazionali della salute, continuano ad adottare tutte le misure di prevenzione necessarie per controllare l’epidemia.

Si consiglia di adottare le normali precauzioni igieniche d’uso in questi climi, dove l’acqua non è potabile e le verdure crude non sempre vengono disinfettate prima di essere servite.