Com'è la situazione sanitaria in Zimbabwe? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Zimbabwe? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Le strutture sanitarie in Zimbabwe, sia pubbliche che private, non sono in generale di livello adeguato. In caso di specifiche patologie è necessario recarsi in Europa o in Sud Africa (esiste al riguardo un efficiente servizio di aereo ambulanza: “Medical Air Rescue Service” - Tel. 00263-4-734513/4/5; Fax. 00263-4-734517).
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Zimbabwe, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in Sud Africa.
Lo Zimbabwe è uno dei Paesi più colpiti dall’AIDS. Qualunque intervento chirurgico in loco che preveda, in particolare, trasfusioni di sangue, espone il paziente al rischio di contrarre l’infezione. Vi è un’alta incidenza stagionale della malaria nelle località del bassopiano. Si raccomanda, pertanto, a coloro che intendano recarsi nelle suddette zone - soprattutto nel periodo che va da gennaio ad aprile - la profilassi anti-malarica previo parere medico.
La tubercolosi è la seconda causa di morte registrata tra i ricoveri ospedalieri. Altre patologie presenti: dissenteria bacillare, meningite, carbonchio, epatite virale e tifo. L’epidemia di colera registrata nel 2008 si è estinta ma si registrano ancora sporadici focolai della malattia.
Se ci si reca nelle località del Paese considerate a rischio si consigliano (previo parere medico) le vaccinazioni contro l’epatite A e B, il tifo e la profilassi antimalarica.
Negli ultimi tempi si sono verificati numerosi episodi di febbri diarroiche e di tifo nelle aree periferiche delle principali città e nella Capitale.
Si consiglia di:
- bere acqua minerale in bottiglia o comunque assicurarsi che sia stata bollita e filtrata;
- non aggiungere ghiaccio nelle bevande;
- lavare con cura e con disinfettanti le verdure e gli ortaggi freschi.
In caso di medicazioni, iniezioni o simili pretendere sempre l’impiego di materiale sterile monouso.