Com'è la situazione sanitaria in Sudan? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Sudan? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Le strutture medico/ospedaliere del Sudan non rispecchiano gli standard occidentali. La situazione sanitaria, inoltre, è particolarmente difficile in quanto vi è il rischio di contrarre le malattie tipiche delle zone equatoriali: malaria, ameba, tifo, epatiti A e B, meningite, colera, febbre gialla. I casi di AIDS sono in aumento.
Negli ultimi anni sono stati riportati frequenti casi di “febbre della Rift Valley”; in linea generale, sono frequenti le infezioni causate da contatto diretto con animali infetti, da assunzione di latte non pastorizzato o da punture di insetto. Benche’ il rischio sia piu’ elevato nelle aree rurali, i frequenti spostamenti di popolazione verso le aree urbane fanno si’ che anche le popolazioni urbane siano potenzialmente esposte a tali patologie. Si consiglia di consultare periodicamente il sito dell’Organizzazione mondiale della Sanita’ (www.who.org) per aggiornamenti sulla situazione sanitaria.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Sudan, un’assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese.

Si consiglia:
- previo parere medico, le vaccinazioni contro: febbre gialla, meningite, epatite A e B, tifo e tetano; si consiglia, inoltre, la profilassi antimalarica;
- di viaggiare con una scorta di farmaci di prima necessità e quelli di cui si ha bisogno;
- di bere solo acqua filtrata e disinfettata e di disinfettare con cura frutta e verdura.