Com'è la situazione sanitaria in Repubblica Centrafricana? Serve una assicurazione sanitaria per andare in Repubblica Centrafricana? Servono vaccini o particolari precauzioni mediche?
Gli ospedali, nella capitale Bangui, hanno strutture obsolete e sono scarsamente equipaggiati; negli altri centri urbani e nelle zone rurali della Repubblica Centrafricana gli ospedali sono pressoché inesistenti ed inadeguati rispetto agli standard europei. Vi è inoltre una scarsa reperibilità dei farmaci di base. Si consiglia pertanto di portare con sé una scorta di farmaci per le emergenze e per specifiche patologie di cui si sia affetti.
L’Istituto Pasteur garantisce un buon servizio di analisi cliniche. Si sconsiglia, in ogni caso, di sottoporsi ad interventi chirurgici in loco.
Si consiglia di stipulare, prima di intraprendere un viaggio in Repubblica Centrafricana, un’assicurazione sanitaria che preveda oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario d’emergenza o il trasferimento in altro Paese.
Il Paese è classificato zona 3 ad alto rischio malarico. Si consiglia, previo parere medico, la profilassi antimalarica. Il tasso di siero positività HIV è ufficialmente del 18% circa.
In passato si sono verificati casi di febbre gialla nel Paese. Le vaccinazioni consigliate, previo parere medico, sono: l’antitifica, epatite A e B.

Si consiglia la massima cautela nell'alimentazione:
• evitare cibi crudi, verdure non trattate,
• bere acqua minerale in bottiglia senza aggiunta di ghiaccio.